patente speciale

Tornare a utilizzare regolarmente la propria auto, è sicuramente un forte incentivo per facilitare il reinserimento nella vita sociale e lavorativa delle persona con mielolesioni, di seguito una breve guida su come ottenere la patente speciale.

Affinchè una persona che abbia subito una lesione lesione midollare traumatica ritornare a guidare in modo completamente autonomo è necessario convertire o conseguire una patente speciale.

Inoltre il veicolo deve essere modificato con adeguati comandi che possano aiutare nella guida in base alla menomazione.

PATENTE SPECIALE: COME FARE PER OTTENERLA

Purtroppo spesso l’accesso ai mezzi pubblici è sempre difficoltoso per i portatori di handicap, per ovviare a questa gravissima mancanza è fondamentale potersi muovere autonomamente grazie a un mezzo appositamente modificato allo scopo.

La prima mossa da fare, comunque, è quella di conseguire una patente speciale.

Ecco di seguito le principale cose da fare per ottenere il documento:
– Richiedere il certificato d’idoneità alla guida dalla commissione medica locale, presso la vostra Asl
Per farlo basta prendere appuntamento e presentarsi con tutta la documentazione clinica che attesti la disabilità, è possibile come da 114 del 2014 essere accompagnati da un esperto di fiducia per essere supportato e consigliato.

In base al tipo di patente (patente A, Patente B, Patente C, Patente D) e agli ausili necessari per poter guidare, verrà rilasciato dalla commissione un certificato di idoneità valevole per 90 giorni.

Per averlo, basta prenotare una visita medica presso la commissione stessa. Durante la visita di accertamento dei requisiti per la guida, il candidato può presentare documentazione clinica e farsi assistere, a proprie spese, da un medico di fiducia. La legge 114 del 2014, inoltre, permette al candidato di essere affiancato anche da un esperto di un’associazione di persone con disabilità da lui individuata, per essere assistito e supportato. La commissione accerta la presenza dei requisiti psico-fisici e, in caso di giudizio positivo, rilascia il certificato medico indicando i dati personali, la categoria della patente speciale (A, B, C o D) e la prescrizione degli eventuali adattamenti necessari alla guida. Il certificato di idoneità rilasciato dalla commissione medica vale 90 giorni.

Di solito non è necessaria la prova pratica, ma nel caso di dubbi da parte della commissione questa può essere richiesta.

Ora con il certificato, bisogna recarsi presso una scuola guida per sostenere gli esami di guida come da indicazioni dalla commissione, è possibile per risparmiare, farlo anche come privatisti presso il Dipartimento dei trasporti terrestri.

Con il superamento dell’esame, si entrerà in possesso della patente di guida speciale; nel documento sono indicati tutti i dispositivi necessari per la conduzione dell’automezzo. Per proteggere la privacy del guidatore, il riferimento agli ausili è indicato con un codice riconducibile alla tipologia di ausilio.

L’esame di teoria è obbligatorio solo nel caso di conseguimento della patente per la prima volta.

RICORSO IN CASO DI NEGATA IDONEITA’ ALLA GUIDA

In caso di esito negativo da parte della commissione medica, è possibile un ricorso al Tar oppure, in alternativa e a proprie spese è possibile recarsi presso organi sanitari periferici delle Ferrovie dello Stato e presentare lo la domanda. Sia il ricorso che l’alternativa devono essere effettuati entro 120 giorni.
ATTENZIONE: se si supera il limite di legge dei 120 giorni non sarà più possibile il ricorso al Tar e il giudizio negativo della commissione medica non potrà più essere annullato.
Nel caso di esame di guida è possibile sia l’utilizzo di un mezzo proprio che di un’auto a noleggio (di solito le scuole guida offrono questo servizio), resta inteso che il veicolo usato dovrà avere tutti gli adattamenti per disabili indicati dal richiedente.

TEMPI, VALIDITÀ DELLA PATENTE SPECIALE

La conversione della patente richiede circa 2/3 mesi dal rilascio del documento di idoneità.

Nella maggior parte dei casi la patente è valida per 5 anni, comunque la durata dipende dalla tipologia della patologia, infatti , in base al decreto legge n° 90 del 14 giugno 2014, convertito nella legge 114 dell’11 agosto 2014, sono state inserite agevolazioni e semplificazioni anche nel caso di malattie degenerative, così se durante la visita presso la commissione medica locale viene certificato che la situazione è stabile, i successivi rinnovi saranno fatti senza bisogno di ripassare per la commissione usando i canali classici: asl, autoscuole, genzie di pratiche auto. La scadenza della patente sarà la uguale a quella per le patenti normali (in base all’età).

CONSULENZA PER ACQUISTO AUTO ADATTATE PER LA GUIDA

Non esitate a contattarci per avere informazioni sugli allestimenti più idonei in base alle vostre esigenze.
Possiamo offrirvi consulenze, prezzi degli ausili per disabili, montaggio e omologazione.
Non esitate a contattarci per ulteriori informazioni

Scoprite i migliori adattamenti presenti sul mercato cliccando QUI