Curling in sedia a rotelle, qualche buon motivo per iniziare

Curling in sedia rotelle

Perchè iniziare il curling in sedia a rotelle.

Curling in sedia rotelle:  uno sport molto diffuso in Canada, dove è considerato lo sport nazionale, e ancora molto poco conosciuto in Italia dove è praticato da un numero ancora molto ridotto di persone. Eppure gli spazi dove praticarlo, soprattutto d’inverno, non mancano.

In Europa, in generale, viene praticato ancora poco ma il suo diffondersi anche negli altri paesi europei è piuttosto promettente. Per molte ragioni infatti il curling è uno sport ideale da praticare in sedia a rotelle, richiede infatti un gioco di squadra coordinato, un pensiero strategico e ovviamente, la resistenza ad un clima freddo.

Curling in sedia rotelle, le regole

Il curling in carrozzina si gioca su una pista lunga 45,72 metri e larga 5, totalmente ricoperta da 3cm di ghiaccio. La pietra da gioco pesa circa 20kg, quindi non si attacca al ghiaccio ed è controllabile dai giocatori. L’obiettivo è che i giocatori ottengano il maggior numero possibile di pietre da curling facendole scivolare all’interno di un apposito anello. È particolarmente importante che i giocatori siano precisi perché la pietra deve prendere una traiettoria ben precisa. Per acquisire questa capacità è importante allenarsi, ma non necessariamente in modo costante.

Non richiede allenamenti costanti

Il curling ha debuttato ai Giochi Paralimpici di Torino nel 2006 ed è il momento in cui questo sport ha anche iniziato a farsi conoscere di più sul panorama nazionale. Si tratta di uno sport che non necessita di allenamenti regolari e quindi è ideale per coloro che possono offrire un impegno limitato o che si annoiano a dover sottostare ad allenamenti regolari.

Rafforza il pensiero strategico

Le due squadre partecipanti giocano l’una contro l’altra e hanno 8 pietre a disposizione. Le squadre si alternano facendo scorrere ogni pietra e riceve un punto per ogni pietra più vicina al bersaglio. Il gioco strategico in squadra è pertanto molto importante; non a caso si chiama “scacchi sul ghiaccio”. Le tattiche al volo vengono decise da capitano della squadra previa una discussione insieme agli altri.

Il miglioramento delle condizioni fisiche

Le partite si svolgono ovviamente in un clima fresco, cosa che può favorire la resistenza fisica del giocatore. Durante il gioco i giocatori fanno movimenti tali da rafforzare la muscolatura delle spalle e delle braccia, trovando giovamenti poi nello svolgere l’attività quotidiana. Questo sport non richiede necessariamente una sedia a rotelle speciale, ma può essere praticato anche da chi è in possesso di una sedia a rotelle tradizionale.

Benefici sull’umore

Ogni sport porta ad aumentare il proprio livello di buonumore, quindi questo punto può essere valido per ogni attività sportiva. Nel caso del curling, però, il vantaggio può essere portato anche dalla stretta collaborazione che deve nascere tra i membri che compongono la squadra.

ALTRI ARTICOLI

Chiama ora (num. gratuito)