Lauren Spencer, l’influencer su Instagram che parla di disablità

Disabilità e influencer

Disabilità, influencer e moda su Instagram, Lauren Spencer

Ormai fare l’influencer è diventato un vero e proprio lavoro anche se parliamo di persone affette da disabilità. Ispirare i giovani ad un determinato stile di vita, favorire l’acquisto di una determinata marca e appunto, influenzare sia i giovani che il mercato è per molti una fonte di guadagno non indifferente. Su queste figure il mondo della sociologia sta riflettendo molto e non è raro leggere articoli provenienti da tutto il mondo accademico occidentale che parlino dell’importanza di queste figure per la società in continua evoluzione.

Ma non sempre l’influencer acquista una connotazione negativa, a volte invece, si rivela una figura indispensabile per il superamento di certi luoghi comuni ancora troppo presenti nel mondo del digitale. Una delle influencer più in voga al moment è Lauren Spencer, che, come recita la sua biografia su Instagram è una influencer dello stile di vita “disabile”.

La sua storia

La vita di Lauren è cambiata a 14 anni, quando le è stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica, che ha distrutto per sempre il suo sogno di diventare una ballerina. Oggi ha 30 anni e da quando ne ha 19 è costretta sulla sedia a rotelle. Non si è lasciata scoraggiare e ha deciso di vivere comunque la sua vita al massimo. Fortunatamente rispetto a molti altri casi, la malattia che ha colpito Lauren procede in maniera più lenta tanto da permetterle di lavorare e di viaggiare.

Disabilità e influencer

Il suo obiettivo come influencer su Instagram, dove ha oltre 13 mila follower, molti dei quali americani, è quello di promuovere uno stile di vita più positivo possibile per le persone disabili e per chi è affetto dalla sua stessa malattia. Come molte altre influencer Lauren offre recensioni per il trucco ed il vestiario e, per quanto riguarda il suo mondo, offre consigli riguardo la vita in società. La carrozzina, da quanto si può capire da quello che scrive e pubblica sul proprio profilo è vista come un puro accessorio che l’accompagna costantemente, non come una zavorra.

Sul suo profilo Lauren condivide le foto dei viaggi insieme agli amici, i suoi outfit per le sere insieme e qualche consiglio sul make up. Abiti alla moda, minigonne e trucco pesante sono la quotidianità per i selfie della influencer, in modo da riempire di colori non solamente la propria figura, ma tutto ciò che vuole comunicare riguardo la disabilità. In un’intervista ha spiegato l’importanza di illuminarsi da soli, in modo da rigettare qualsiasi idea legata alla compassione. In pochi anni è diventata una modella per aziende come Tommy Hilfiger e Adidas di cui sponsorizza i prodotti.

Donne, disabilità e social

Lauren ha permesso a molte donne disabili di sentirsi parte integrante di una vera e propria comunità che non vive solamente sul social, ma esce, si trucca e si veste, indipendentemente se accompagnata o meno dalla propria sedia a rotelle. Il suo obiettivo è contribuire al cambiamento del mondo nel vedere la disabilità, non più come un qualcosa da evitare o compatire, ma come una semplice condizione, come avere i capelli di un colore piuttosto che di un altro.

ALTRI ARTICOLI